Condividi su

05 giugno 2018 • 16:23 • Scritto da Filippo Magnifico

Sherlock: arriva la prima escape room ispirata alla serie con Benedict Cumberbatch

A ottobre, in quel di Londra, verrà inaugurata Sherlock: The Game is Now, la prima escape room ispirata alla serie con Benedict Cumberbatch e Martin Freeman.
0

Forse non vedremo mai una nuova stagione di Sherlock ma potremo lenire il nostro dolore vivendo in prima persona le mitiche avventure di Sherlock Holmes (Benedict Cumberbatch) e del Dottor Watson (Martin Freeman).

È stata infatti annunciata la prossima apertura della prima escape room ispirata a Sherlock. A ottobre, in quel di Londra, verrà inaugurata Sherlock: The Game is Now, un’esperienza di gioco immersiva di 90 minuti. All’interno di fedelissime ricostruzioni degli ambienti della serie, gruppi da 4/6 persone dovranno risolvere enigmi impossibili in una corsa contro il tempo, abbellita dall’intervento dei protagonisti originali, che registreranno segmenti video inediti.

La produttrice di Sherlock Sue Vertue e gli showrunner Steven Moffat e Mark Gatiss hanno fatto da consultant e hanno co-sceneggiato questa esperienza, realizzata da KIN Partners, Hartswood Films e gli specialisti di escape room Time Run. Londra per il momento sarà l’unica città ad ospitare Sherlock: The Game is Now ma il piano è di distribuire l’attrazione a livello mondiale. Come dichiarato da Mark Gatiss, che nella serie interpreta anche il ruolo di Mycroft Holmes

È la cosa più vicina possibile ad essere in un episodio di Sherlock senza diventare un attore.

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, segui la pagina Facebook Noi fan delle Serie TV e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Fonte: Sherlockology

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *